martedì 18 giugno 2019

Lettera del Coordinamento al Presidente del Consiglio On. Prof. Conte




Il Coordinamento Italiano della Lobby Europea delle Donne, nell'ambito della Campagna 50/50 per una maggiore presenza femminile non solo nel Parlamento Europeo, ma anche nella Commissione Europea e negli alti incarichi  delle  Istituzioni dell'Unione, ha scritto  al Presidente del Consiglio On.Prof. Giuseppe Conte, in vista del Consiglio dei Ministri Europeo del  20 e 21 giugno , una lettera con la richiesta di  una chiara e precisa Strategia per l'uguaglianza tra donne e uomini ed una rappresentanza paritaria nelle cariche dell'Unione che verranno discusse durante tale Consiglio.








                                                                                                                        Roma 18 giugno 2019





Onorevole Presidente del Consiglio
Prof.  Avv. Giuseppe Conte
Palazzo Chigi
Roma



Il Coordinamento Italiano della Lobby Europea delle Donne, che rappresenta in Italia la Lobby Europea delle Donne (EWL), la maggiore piattaforma di organizzazioni che lavorano per l’affermazione dei diritti delle donne in Europa, prende l’iniziativa di scriver Le in questo preciso momento della Storia dell’Unione Europea
Nel prossimo incontro con i Capi di Stato e di Governo, il 20 e 21 giugno, Lei avrà, infatti, l'opportunità di contribuire a dare forma all'orientamento dell'Europa dei prossimi 5 anni: un'Europa che mira ad essere più equa, sostenibile, un’Europa della cura ed attenta alle istanze di uguaglianza fra donne e uomini. Come Capo del Governo Italiano, tale incontro costituisce un'opportunità per

ascoltare le voci delle organizzazioni femminili ed agire in concreto per proteggere e rafforzare i diritti umani delle donne di tutta l’Europa. Il Suo sostegno si rivela decisivo per ottenere una leadership impegnata in una chiara strategia politica per il raggiungimento della parità nell'UE e per garantire che le donne siano rappresentate nelle posizioni decisionali più importanti della stessa.

Nelle prossime settimane il Consiglio dell'Unione Europea proporrà una persona quale Presidente della Commissione Europea a cui seguiranno le nomine dei Commissari /e e delle cariche più elevate all’interno delle Istituzioni dell’Unione.

Come parte della campagna EWL: "50/50" Women for Europe - Europe for Women,” Il Coordinamento Italiano e la EWL richiedono che venga rispettata la parità nelle nomine per le sopra citate posizioni. È fondamentale che tutti gli Stati membri prendano posizione per garantire pari partecipazione e rappresentanza delle donne nei processi decisionali dell'Unione Europea. Vorremmo, a tale proposito, mettere in evidenza come nessuna donna sia stata, sinora, chiamata ad esercitare la funzione di Presidente della Commissione Europea.

   A Lei spetta, nella Sua qualità di Presidente del Consiglio, il potere di costruire un'Unione Europea nella quale chi decide rappresenti tutti i cittadini e ciò implica che le donne siano presenti in modo paritario.  È giunto oramai il momento che l'Unione Europea si impegni nel compimento dell’attuazione di un'autentica uguaglianza e nella promozione dei diritti umani delle donne, in linea con i Trattati.

Siamo consapevoli che i processi di nomina sono il risultato di numerosi negoziati e decisioni assunte nei vari livelli, tuttavia, riteniamo che ciascun Governo a titolo individuale e  gli Stati Membri collettivamente,  abbiano la responsabilità di garantire una rappresentanza equa  di donne e uomini nel proprio  Esecutivo.

L'attuale mancanza di rappresentanza femminile nelle Istituzioni Europee dimostra chiaramente la necessità della istituzionalizzazione di meccanismi che garantiscano la parità di donne e uomini in tutti gli organi decisionali Europei. A tale proposito, assieme alla EWL proponiamo, da molti anni, un sistema semplice di nomina in base al quale ciascuno Stato Membro ha la possibilità di designare due persone, una donna e un uomo, alla carica di commissario/a, e a seguito del quale, la persona prescelta quale Presidente della Commissione Europea ha l’opportunità, quindi, di garantire la rappresentanza   del "50/50"

Siamo convinte che Lei vorrà fare propria questa nostra proposta al momento delle discussioni   sulle questioni europee. Siamo, anche, sicure che una decisione politica così significativa possa veicolare il messaggio di un’Unione Europea che ha, veramente, a cuore l'uguaglianza tra donne e uomini

Voglia gradire, On. Presidente del Consiglio, i sensi della nostra più alta considerazione e stima




                        Per il Coordinamento Italiano della Lobby Europa delle Donne
                                                        La Presidente
                             

                                          Maria Ludovica Bottarelli Tranquilli Leali










                                                              Via Mentana 2b -00185  Roma 
                                                                                              tel. +39 3386580531 


venerdì 8 marzo 2019

8 Marzo 2019








Mimose non ne vogliamo più,  tanto meno altri fiori e cosiddette "opere di bene".
E' il caso di pretendere  cittadinanza e giustizia che in questo Paese non esistono per noi.
Non si tratta di rivendicazioni, ma di attuazione di una vera democrazia. Come donne,  ci siamo fatte carico e ci facciamo carico di tutto il peso del mantenimento della società, ma la condizione che ci riguarda è sconfortante: stiamo tornando velocemente indietro !
Mentre scrivo, ho accanto un'amica vittima di violenza economica e psicologica, che avendo chiesto l'addebito in sede di separazione si è sentita rispondere dall'avvocata che di solito i giudici liquidano il tutto con "incomprensioni coniugali" . Ma, la Convenzione di Istanbul, il grande lavoro di sensibilizzazione fatto in questi anni, dove sono finiti ?
Mi auguro con queste poche parole, di aver trasmesso ai membri del Coordinamento e a coloro che ci leggono,  la consapevolezza e certezza che moltissimo resta da fare


Maria Ludovica Bottarelli 
Presidente del Coordinamento Italiano della Lobby Europea delle Donne

martedì 22 gennaio 2019

Master in Women's entrepreneurship & Leadership


Riceviamo dall'Apid e divulghiamo questa interessante ed utile informazione





Gentilissimo/a,le segnaliamo che scade il 28 Febbraio p.v. il termine per iscriversi alla prima edizione del Master Executive in WOMEN ENTREPRENEURSHIP & LEADERSHIPattivato dalla SAA (School of Management), in collaborazione con SUPSI (Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana) e APID e gestito dal COREP.
   
Il Master Executive in Women Entrepreneurship & Leadership è un programma avanzato di valorizzazione dell’imprenditorialità femminile e di sviluppo del suo potenziale. È volto a estendere competenze di carattere manageriale con particolare focus sugli aspetti strategici, di sviluppo dell’innovazione e della leadership. La formazione è rivolta a donne imprenditrici, iscritte all’APID e Associazioni Partner, con una consolidata esperienza alla guida di PMI e si propone di arricchirne l'esperienza con una formazione su temi innovativi.

PROGRAMMA:  9 moduli così suddivisi:

-  International business strategy
-  Gestione dell'innovazione e strategie
-  Operations management
-  Managing in Emerging Markets
-  Potere della comunicazione
-  Negoziazione strategica
-  Leading corporate perfomance
-  Powerful leadership
-  Project Work /tutoring

PERIODO:
Il Master Executive avrà una durata di 6 weekend  da Marzo a Luglio 2019 secondo calendario consultabile sul sito.
La frequenza delle lezioni sarà giovedì dalle 18.00 alle 21.30, venerdì dalle 18.00 alle 21.30, il sabato dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 18.00. 

DOCENTI DEL MASTER:I Docenti del Master Executive WEAL sono rappresentati da noti Accademici e da Professionisti di chiara fama specializzati nei vari settori della gestione aziendale.
  
TITOLO: Al termine del corso verranno rilasciati due titoli:
- il titolo di Master Executive in Women Entrepreneurship & Leadership dalla SAA  
- il titolo di Certificate of Advanced Studies corrispondente a 10 crediti formativi universitari complessivi dalla SUPSI.
Al fine di ottenere i titoli, le partecipanti devono frequentare almeno i 2/3 delle ore di lezione  (attestabili con firma di presenza) e superare le verifiche previste. 

Inoltre, per chi fosse interessata, sarà possibile:
- ottenere un Attestato  di Riconoscimento Crediti per l'esperienza professionale (massimo 8 crediti) con la presentazione di un progetto personale
 - ottenere il Diploma of Advanced Studies (pari a 30 crediti) integrando la propria formazione con ulteriori moduli.
Per ulteriori dettagli si veda il sito del master (sezione Titoli).

 SCADENZA ISCRIZIONI: 28 Febbraio 2019

COSTO: 3.000,00€  da pagarsi in due rate (si veda il sito del master). E' disponibile per eventuali interessati la possibilità di attivare un prestito a condizioni molto agevolate (e specifiche per i percorsi di studio) con INTESA SAN PAOLO secondo convenzione stipulata con la SAA. Per ulteriori informazioni chiedere alla Segreteria del master.
SEDELe lezioni si svolgeranno presso la SAA- School of Management, Via Ventimiglia 115, Torino e un weekend a Lugano presso SUPSI.

INFO
Web:http://www.masterweal.it/E-mailiscrizioni@corep.it
Tel011/63.99.254



mercoledì 16 gennaio 2019

Invito alla Conversazione: Quale Europa? Primo Incontro





 MAGGIO 2019 – ELEZIONI EUROPEE.
                                        QUALE EUROPA? PRIMO INCONTRO

  Palazzo Isimbardi, sala Affreschi - via Vivaio 1, Milano
21 gennaio 2019, ore 9.00 –13.00

 Il Coordinamento Italiano della Lobby Europea delle Donne, in collaborazione con DonneinQuota e Rete per la Parità, invita alla prima delle tre conversazioni sulle elezioni del Parlamento Europeo previste per il prossimo maggio. Sono stati invitati rappresentanti del governo, della Città Metropolitana di Milano, europarlamentari e una esperta di comunicazione politica.

PROGRAMMA
Registrazione partecipanti

Saluti istituzionali
Arianna Censi,Vicesindaca Città Metropolitana di Milano
Vincenzo Spadafora*, Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, con delega alle Pari Opportunità, politiche giovanili e servizio civile universale
Pier Antonio Panzeri,Presidente Commissione Diritti Umani del Parlamento europeo

Introducono  
M.Ludovica Tranquilli Leali, Coord. Italiano Lobby Europea delle Donne
Donatella Martini, DonneinQuota

Interventi
Guendoline Lefevre*, Presidente European Women’s Lobby
Daniela Aiuto*, eurodeputata
Lara Comi, eurodeputata  
Alessia Mosca, eurodeputata 
Patrizia Toia,eurodeputata 
Eva Sacchi,Ipsos



*In attesa di conferma


Evento gratuito, e’ necessario accreditarsi inviando una mail a info@donneinquota.org

lunedì 14 gennaio 2019

Conferenza Finale Dare to Dream

Si è concluso il progetto Dare to Dream.

La conferenza finale si è tenuta a Lisbona dal 7 all'11 gennaio. Sono stati giorni intensi nei quali i partner hanno illustrato al pubblico i percorsi, i risultati, le similitudini e le diversità del progetto nelle tre città dei partner: Lisbona, Budapest e Roma.

Di grande interesse sono state le due conferenze, di presentazione e di chiusura, che hanno visto sia l'intervento delle associazioni partner sia di realtà diverse che in molti modi hanno partecipato al progetto. Un esempio per l'Italia è rappresentato da Arabel Staicu, Presidente di Liberi, un'associazione di Rom. Sono intervnute anche parlamentari europee, che hanno sottolineato l'interesse ad abbattere stereotipi e differenze in favore di collaborazione e integrazione.
Anche i workshop sono stati significativi, Lef-Italia ha portato il suo contributo col tema dell'impresa sociale.